Dietoterapia dell’obesità: l’utilità della misura del metabolismo basale

Uno dei più grossi ostacoli nella terapia dell’obesità è la scelta della giusta restrizione calorica. Una dieta troppo severa può risultare un’esperienza frustante e fallimentare. Allo stesso modo, una dieta troppo generosa darà dei risultati troppo blandi, rivelandosi un’esperienza deprimente e sconfortante. Questo problema può essere superato grazie alla calorimetria la quale ci permette di misurare il metabolismo basale e operare un intervento dietetico più mirato.

Un regime dietetico troppo drastico, per esempio con un apporto calorico inferiore del 20% rispetto al proprio valore di metabolismo basale, dopo solo circa tre settimane può determinarne infatti una sua riduzione importante.

Al contrario, La prescrizione di una dieta con un apporto calorico calibrato rispetto al dispendio energetico misurato nel soggetto evita invece tale riduzione. In questo modo, oltre che evitare l’adattamento metabolico e la compromissione della massa magra, si ottengono dei vantaggi notevoli a favore della compliance (adesione) dietologica.

L’obeso che viene trattato con apporti calorici normali incomincia a rapportarsi ad una normalità dietologica prendendo atto che eliminando l’eccesso di cibo, e solo l’eccesso, può iniziare a rientrare naturalmente verso i limiti del normopeso. Questa convinzione va supportata e rinforzata perché è spesso alla base del successo terapeutico.

Restrizioni caloriche eccessive possono portare anche ad un importante aumento del senso di fame. La prescrizione di un apporto calorico soddisfacente le richieste energetiche del metabolismo evita la fame biologica a tutto vantaggio del controllo alimentare.

Si perde peso perché si consuma con il movimento e non perché si priva l’organismo del suo fabbisogno. Si ottiene una prescrizione dietetica saziante che costituisce essa stessa una terapia educazionale e cognitiva. Si sfatano idee e pregiudizi riguardo la necessità di riduzioni drastiche per la perdita di peso. Ci si rapporta ad una normalità dietologica e non ci si sente diversi. Si intravvede quindi la possibilità di venirne fuori.

È possibile quindi riscopre il piacere di sapersi controllare per un periodo lungo superiore a tutti i tentativi precedenti. È proprio il tempo diventa il migliore alleato del programma di terapia dell’obesità, in quanto permette di modificare positivamente l’autocontrollo, l’autostima, la dipendenza emozioni-cibo e di modificare la composizione corporea a favore della massa magra attraverso una perdita di peso moderata ma costante.

Posted in Senza categoria and tagged , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *